Navigation

Ue: crescita bloccata, rischio nuova recessione

Questo contenuto è stato pubblicato il 10 novembre 2011 - 11:18
(Keystone-ATS)

"La crescita dell'economia si è bloccata e c'è il rischio di una nuova recessione". È quanto ha dichiarato il commissario Ue Olli Rehn, presentando le previsioni economiche 2011-2013.

La crescita del prodotto interno lordo della zona euro sarà limitata allo 0,5% nel 2012 (+0,6 Ue-27), con un ritorno alla ripresa nel 2013 all'1,3% (1,5% Ue-27).

"Un brusco deterioramento della fiducia sta danneggiando gli investimenti e i consumi, una crescita indebolita sta bloccando le esportazioni e l'urgenza di consolidare le finanze pubbliche pesa sulla domanda interna", si legge nel rapporto.

Nessun reale miglioramento è previsto per il mercato del lavoro: il tasso di disoccupazione è previsto al 10% nella zona dell'euro fino al 2013 e poco sotto (attorno al 9,7%) nella Ue-27. L'inflazione è attesa sotto il 2% dal prossimo anno. La Commissione Ue prevede anche una progressione del consolidamento fiscale, con un rapporto deficit-Pil al 3% entro il 2013 (3,4% nel 2012).

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?