Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un incontro "aperto e amichevole": così la portavoce della Commissione europea ha definito il vertice informale di ieri sera, alle porte di Berlino, tra il presidente dell'esecutivo europeo, José Manuel Barroso, e la cancelliera tedesca, Angela Merkel.

"Si è registrata una convergenza di vedute - ha spiegato la portavoce - sul bisogno di una risposta globale che rassicuri i mercati e i cittadini sulla capacità di risposta dell'Eurozona alla crisi dei debiti sovrani".

E il Consiglio europeo del 4 febbraio - ha aggiunto - "sarà un passo verso la messa a punto di questa risposta". Dunque, al prossimo vertice dei leader dell'Ue nessuna decisione sul rafforzamento della capacità finanziaria del Fondo salva-Stati come aveva proposto Barroso.

Una proposta che aveva provocato la reazione contraria di Berlino, che chiede di affrontare la questione nell'ambito della discussione generale sul rafforzamento della governance economica e della riforma del Patto europeo di stabilità e di crescita. Su quest'ultimo punto un accordo dovrebbe essere preso nel Consiglio di marzo. La linea tedesca, dunque, sembrerebbe ancora una volta aver prevalso.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS