Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il piano completo delle misure con cui si effettueranno tagli alla spesa pubblica della Grecia per 11,5 miliardi di euro è atteso per la riunione dell'Eurogruppo prevista l'8 ottobre. È quanto riferiscono fonti comunitarie, secondo cui la presentazione del pacchetto complessivo ai ministri delle finanze dell'eurozona, che si vuole sia "solido", difficilmente potrà avvenire prima di quella data.

Il governo greco deve infatti ancora individuare le misure per coprire circa 4 miliardi di economie, e la troika, che resterà in contatto con le autorità greche per tutto agosto, passerà poi tutto il mese di settembre ad Atene per finalizzare il lavoro.

Bruxelles, assicurano le fonti, si trova in una situazione in cui "vuole gestire la permanenza della Grecia nell'eurozona, non la sua uscita", nonostante le dichiarazioni sibilline rilasciate ieri dal presidente dell'Eurogruppo Jean-Claude Juncker secondo cui un'uscita di Atene dalla moneta unica sarebbe "gestibile" per quanto "non auspicabile". Non c'è infatti tra gli stati membri dell'eurozona "l'intenzione politica" di mettere la Grecia alla porta. In questo senso andrebbe quindi interpretata l'uscita del premier lussemburghese, intesa a mantenere alta la pressione sul paese, nella prospettiva anche della sua visita ad Atene il 22 agosto.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS