Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Dopo due anni e mezzo di "negoziati intensi", l'Unione europea e il Vietnam hanno raggiunto oggi un'intesa "di principio" per arrivare, dopo aver completato gli aspetti legali e tecnici e le procedure istituzionali, a un accordo di libero scambio.

Lo ha annunciato la commissaria al Commercio, Cecilia Malmstrom, prevedendo che l'accordo, che prevede la rimozione di oltre il 99% delle tariffe sui beni scambiati per un periodo fino a 7 anni, potrà essere operativo "fra la fine del 2017 e l'inizio del 2018".

Secondo la commissaria svedese, che questa mattina ha parlato per telefono con il ministro dell'Industria vietnamita Vu Huy Hoang, l'accordo "rilancerà il commercio con una delle economie più dinamiche dell'Asia, rappresenta un nuovo e più moderno modello di accordo per il libero scambio fra l'Ue e i paesi in crescita, e stabilisce un buon livello per le relazioni commerciali fra Ue e il Sudest asiatico in generale".

Malmstrom ha detto che nell'accordo c'è "un'ampia attenzione ai diritti umani" e che potrà essere sospeso se il Vietnam non rispetterà i suoi impegni in questo campo.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS