La Germania vuole una "cooperazione rafforzata economica" aperta ai 17 Paesi dell'eurozona, ma anche a quelli che non hanno la moneta unica "e che sono però interessati", per realizzare un nuovo modello di governo economico dell'Europa "il cui coordinamento dipenda solo dai capi di governo" e non dalla Commissione europea. La cancelliera Angela Merkel, nella conferenza stampa tenuta a conclusione del Consiglio europeo, non ha fatto giri di parole: "La cooperazione sulla competitività dovrà essere fatta prendendo esempio dai migliori", ovvero la Germania stessa.

Secondo la cancelliera il vertice di oggi è servito a stabilire il principio politico, le "decisioni concrete" saranno prese nel Consiglio europeo del 24-25 marzo, ma saranno trattate e discusse nel merito nel Consiglio straordinario riservato ai premier dell'Eurozona che si terrà "in una data non ancora fissata, ma sicuramente dopo il 9 marzo, perchè quel giorno sarà fatto il nuovo governo d'Irlanda".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.