Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

In molti paesi la manovra di aggiustamento dei conti pubblici per il 2012 dovrà essere "ben al di sopra dello 0,5% del Pil". È quanto si legge nella bozza delle conclusioni del Consiglio europeo che è stamani sul tavolo del vertice.

L'azione di risanamento dei conti, si legge ancora nel testo, dovrà essere realizzata in particolare nei paesi membri che presentano "un deficit strutturale molto ampio o un molto alto e in rapida crescita livello di debito pubblico".

La richiesta di varare "aggiustamenti strutturali" ben al di sopra dello 0,5% del Pil nel 2012 nei Paesi con un alto deficit e un alto debito è stata formulata dal Consiglio europeo, nel quadro delle azioni di risanamento e delle riforme da avviare con l'esercizio del semestre europeo.

I Paesi Ue, si legge nella bozza delle conclusioni del vertice, presenteranno un piano di consolidamento pluriennale, indicando specifici obiettivi in materia di deficit, di spesa e di introiti fiscali. Parallelamente dovranno essere indicate le strategie con cui si intendono raggiungere questi obiettivi e le scadenze fissate per la loro applicazione.

"Nel 2012 - si legge ancora nel testo - le politiche dovranno puntare a ristabilire la fiducia nella capacità di riportare sotto controllo la dinamica dei conti pubblici e in particolare per riportare sotto il 3% il rapporti deficit-Pil".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS