Navigation

UE: Recovery Fund, proposta 4 Paesi frugali, solo prestiti

Il fondo andrebbe basato su prestiti a condizioni favorevoli senza alcuna mutualizzazione del debito KEYSTONE/MARTIN RUETSCHI sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 23 maggio 2020 - 12:13
(Keystone-ATS)

Un fondo di emergenza "temporaneo, una tantum" e limitato a due anni, per sostenere "la ripresa economica e la resilienza dei settori sanitari".

Il fondo andrebbe basato su "prestiti a condizioni favorevoli" senza "alcuna mutualizzazione del debito" e in cambio di "un forte impegno per le riforme" nazionali da parte dei beneficiari: è il Recovery Fund proposto da Austria, Paesi Bassi, Danimarca e Svezia in un non-paper inviato questa mattina alle capitali Ue e a Bruxelles.

Nel documento presentato da Austria, Paesi Bassi, Svezia e Danimarca - di cui ANSA ha preso visione - i cosiddetti '4 frugali' chiariscono che potranno essere concessi prestiti "a condizioni favorevoli ai Paesi che più ne hanno bisogno", "limitando" però "il rischio per tutti gli Stati membri". Pertanto, scrivono, "ciò su cui non possiamo concordare è la creazione di qualsiasi strumento o misura che porti alla mutualizzazione del debito o a significativi aumenti nel bilancio Ue".

Il Fondo d'emergenza, si legge ancora nel non-paper, dovrà essere legato a un bilancio Ue "modernizzato" e farà da "supplemento al pacchetto senza precedenti da 540 miliardi euro già concordati dal Consiglio europeo" con Sure, Bei e Mes. Le spese relative al Covid-19 potranno essere coperte dagli Stati membri attraverso "risparmi nel quadro finanziario pluriennale Ue, riprogrammando" le risorse "nelle aree che hanno meno probabilità di contribuire alla ripresa" economica.

I quattro insistono quindi sulla necessità di "riforme" che permettano agli Stati membri di essere "meglio preparati per la prossima crisi". E fissano altri paletti per il Fondo d'emergenza sottolineando tra l'altro che dovrà essere uno strumento 'una tantum' con durata massima di due anni.

I fondi, si sottolinea ancora nel documento, dovranno essere usati per sviluppare "ricerca e innovazione", garantire "maggiore resilienza al settore sanitario" e attuare la "transizione verde" e "digitale" al centro anche del Green Deal Ue. Per tutelare i prestiti da possibili frodi, i 4 Paesi del Nord chiedono un "forte coinvolgimento della Corte dei conti europei, dell'Ufficio Ue anti-frode (Olaf) e della Procura europea (Eppo)".

"Il nostro obiettivo - conclude il documento - è fornire attraverso il bilancio pluriennale Ue finanziamenti temporanei e mirati nonchè offrire prestiti a condizioni favorevoli a chi è stato colpito più duramente dalla crisi".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.