Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BRUXELLES - Sono in arrivo multe sempre più salate e procedure d'infrazione più veloci contro i Paesi che non rispettano le sentenze della Corte di giustizia Ue e applicano in ritardo le norme europee.
La Commissione europea, dando seguito alle novità introdotte in questo campo dal Trattato di Lisbona, si appresta a proporre, martedì prossimo, un pacchetto di interventi destinati nella sostanza a rendere più stringenti le azioni punitive esercitate dalle istituzioni europee.
L'obiettivo dell'esecutivo Ue - secondo quanto si legge nei documenti all'attenzione dei commissari - e' quello di stimolare gli Stati membri, nell'interesse dei loro cittadini, a rispettare maggiormente il diritto comunitario.
Prima della loro adozione definitiva, le misure che saranno varate da Bruxelles la prossima settimana saranno oggetto di "consultazioni informali" con gli esperti dei 27 Paesi.
Ma intanto, in considerazione dell'"importante impatto" che le nuove procedure avranno sugli Stati membri, la Commissione assicura che la loro applicazione sarà caratterizzata da "massima coerenza e pari trattamento".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS