Navigation

Ue riconosce "compatibilità tecnica" certificato Covid svizzero

Il certificato Covid europeo. KEYSTONE/EPA/Chema Moya sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 11 giugno 2021 - 21:58
(Keystone-ATS)

Il certificato Covid della Confederazione, che attesta un'avvenuta vaccinazione, la guarigione dal Covid-19 o un test negativo, sarà compatibile con quello rilasciato dall'Ue.

Lo ha affermato oggi nel corso del tradizionale incontro coi media del Consiglio federale dopo la sua riunione settimanale, Philippe Voirol, vicedirettore dell'Ufficio federale dell'informatica e della telecomunicazione (UFIT). Questi in conferenza stampa ha pure affermato che l'Ue lo avrebbe accettato.

Dal canto suo un portavoce della Commissione europea ha detto a Keystone-ATS che "i test tecnici hanno funzionato". La base legale però non è ancora stata attuata e la Svizzera deve prima confermare la reciprocità. Infine, è pure necessaria l'approvazione finale della Commissione.

Una portavoce dell'Ufficio federale dell'informatica e della telecomunicazione (UFIT) ha commentato in serata le dichiarazioni di Voirol: l'Ue ha confermato solo la compatibilità tecnica, ha detto, sollecitata da Keystone-ATS.

Oggi il governo ha previsto allentamenti alle frontiere per i viaggiatori provenienti in specie dallo spazio Schengen vaccinati. In questo modo non dovranno più sottoporsi alla quarantena.

La settimana scorsa, il governo aveva annunciato che entro la fine mese sarebbe stato disponibile per tutti il certificato, sotto forma cartacea o elettronica. Il sistema di certificazione è in vigore da lunedì e i primi documenti sono già stati rilasciati. Entro fine giugno dovrebbe essere operativo in tutta la Svizzera.

Il certificato, aveva dichiarato il consigliere federale Ueli Maurer, ha uno scopo principale: agevolare gli spostamenti all'interno dello spazio Schengen. Il pass è corredato di una firma elettronica della Confederazione che consente una verifica sicura del documento, durante la quale non vengono trasmessi né salvati dati personali. La firma della Confederazione è anche in possesso dell'Ue; grazie ad essa è possibile verificare la validità del certificato anche all'estero.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.