Navigation

Ueli Maurer: alla politica chiede più soldi e più correttezza

Questo contenuto è stato pubblicato il 19 agosto 2011 - 18:54
(Keystone-ATS)

"Il miglior esercito del mondo": così il consigliere federale Ueli Maurer ha definito le truppe elvetiche, che in questi tempi di crescente incertezza offrono garanzia di sicurezza. Esprimendosi davanti ai circa 900 quadri dirigenti del Dipartimento federale della difesa (DDPS) il ministro ha ribadito che bisogna tuttavia garantire all'esercito fondi adeguati: qui la politica deve dare prova di correttezza, ha detto.

Con la sempre maggiore incertezza dei mercati finanziari e dell'economia - ha aggiunto Maurer - aumenta anche in Svizzera il bisogno delle persone di sentirsi più sicure. La Confederazione vista come "isola felice" è sempre più messa sotto pressione dagli avvenimenti degli scorsi mesi: a Fukushima, a Oslo, a Londra e in Grecia. Un chiaro segnale in questo senso ci viene dalle iniziative popolari come quella sui minareti o quella sull'espulsione.

Proprio per questo l'esercito raccoglie ora nei sondaggi il maggior consenso degli ultimi 25 anni, ha aggiunto Maurer. Il DDPS ha una grande responsabilità, perché detiene tutti gli strumenti per garantire la sicurezza.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?