Navigation

Ultrà e Fn in piazza a Roma, cori fascisti e guerriglia

Situazione tesa a Roma per una manifestazione dell'estrema destra. KEYSTONE/AP/Andrew Medichini sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 06 giugno 2020 - 20:37
(Keystone-ATS)

Lanci di bottiglie, vasi e petardi contro giornalisti e forze dell'ordine, tensioni tra gli stessi manifestanti, cori "Duce, duce" e saluti romani.

Scene di guerriglia urbana oggi pomeriggio al Circo Massimo, nel cuore di Roma, durante la manifestazione lanciata da "I ragazzi d'Italia" sulla pagina Facebook "Dalle curve alle piazze", a cui hanno aderito Forza Nuova e gruppi ultrà.

Un sit-in indetto per protestare contro "la crisi legata al Covid-19", contro le politiche del governo e per la "ripresa del Paese", ma che si è trasformato soltanto in un teatro di violenza e disordini. Un sit-in autorizzato fino alle 18.30 ma che ha visto poco dopo le 17 il Circo Massimo già vuoto con i manifestanti che andavano via lasciandosi alle spalle una piazza ferita.

Poco prima giusto il tempo di intonare l'inno nazionale, sventolare qualche bandiera tricolore, accompagnata da qualche saluto romano, che è salita la tensione. A far 'scaldare' gli animi la decisione di un partecipante di rilasciare dichiarazioni ai cronisti. Prima è stato allontanato da Giuliano Castellino, esponente di spicco di Forza Nuova, poi è nata una discussione tra manifestanti e in pochi istanti è scattato il lancio di bottiglie di vetro, petardi e altri oggetti contro i giornalisti e le forze dell'ordine. I disordini sono durati diversi minuti, con gli agenti schierati in tenuta antisommossa davanti ai blindati. In piazza anche un mezzo idrante.

Poi i partecipanti hanno indietreggiato e sono scesi all'interno del Circo Massimo. Intonati anche slogan contro i giornalisti. Inutile l'invito alla calma da parte di uno degli organizzatori che al megafono ha più volte ripetuto: "Venite qua state rovinando tutto". Dopo i primi disordini ci sono state nuove tensioni con alcuni gruppi che si sono inseguiti tra loro lanciandosi fumogeni (che hanno bruciato una porzione di prato) e aste delle bandiere. Hanno cercato di dirigersi verso il roseto comunale, ma sono stati contenuti dalle forze dell'ordine. "Ministri, dove eravate, dove siete stati in questi mesi? Siamo venuti qui per fare questa domanda - ha detto un manifestante dal palco, poco prima che i partecipanti lasciassero la piazza con largo anticipo rispetto al previsto -. Abbiamo visto la politica non dare risposte al popolo e andare andare avanti e indietro da Bruxelles con il cappello in mano".

Il bilancio delle violenze di oggi pomeriggio è al momento di 15 fermati, di cui due arrestati dai poliziotti della Digos. Si tratta di un ultrà della Roma e di uno della Lazio. Per loro le accuse sono violenza, lesioni a pubblico ufficiale e lancio di oggetti contundenti. Le posizioni degli altri fermati sono ora al vaglio. Contuso nel lancio di oggetti un agente delle forze dell'ordine.

Scene di violenza quelle documentate dal Circo Massimo che hanno indignato il mondo politico e sindacale che ha bollato 'senza se e senza ma' la 'pagina vergognosa di squadrismo'. "Su di loro la storia ha già espresso un verdetto inappellabile", ha scritto in un tweet il vice segretario del Pd Andrea Orlando. Mentre il vice ministro dell'Interno Matteo Mauri giudica le aggressioni ai giornalisti e alle forze dell'ordine episodi "gravissimi, eversivi e premeditati".

Per il deputato del PD Walter Verini "non si è arrecata solo un'offesa a Roma ma una ferita al Paese. Si è avuta una riprova - ha detto - di quanto siano pericolosamente attuali rigurgiti neofascisti e neonazisti". Mentre per il capogruppo LeU in Consiglio regionale del Lazio Daniele Ognibene, "questa di oggi è la logica conseguenza dell'esempio dato da Pappalardo, Meloni e Salvini che consapevolmente o inconsapevolmente sono scesi in piazza il due giugno contro tutto e tutti". Condanna anche dal sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Andrea Martella, che in un tweet parla di un "un doppio attacco, deliberatamente antidemocratico, da condannare senza se e senza ma". E di "sfregio alla democrazia e alla libertà di stampa" scrive in una nota il presidente del Consiglio Nazionale dell'Ordine dei Giornalisti, Carlo Verna.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.