Navigation

Un apparecchio elettrico su cinque con difetti

Un apparecchio elettrico su cinque risulta difettoso KEYSTONE/EPA/ADRIAN BRADSHAW sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 04 maggio 2020 - 12:15
(Keystone-ATS)

Un apparecchio elettrico su cinque controllato dall'Ispettorato federale degli impianti a corrente forte (ESTI) presentava dei difetti lo scorso anno. Sono stati emanati 131 divieti di vendita e pubblicati 21 ritiri e informazioni relative alla sicurezza.

In totale sono stati controllati 1538 prodotti venduti su Internet o presso grandi distributori, mercati specializzati, fabbricanti ed esposizioni fieristiche. Sono state effettuate verifiche anche a seguito di segnalazioni ricevute da consumatori e professionisti del settore, precisa un comunicato odierno.

Complessivamente 296 prodotti presentavano difetti formali o tecnici, pari al 19% degli apparecchi controllati. In 188 casi vi erano potenziali pericoli per la salute come elettrocuzione, ustioni, formazione di fumo e incendi.

In caso di pericolo per le persone o in mancanza di prove della conformità, l'ESTI può vietare la vendita di un determinato prodotto. I 131 divieti emanati nel 2019 riguardavano in particolare caricabatterie, bollitori, apparecchi con spine estere non autorizzate, adattatori da viaggio, cavi di ricarica per la mobilità elettrica e batterie ricaricabili per apparecchi di vario genere.

L'ESTI ricorda che la vendita di apparecchi muniti di spine estere non autorizzate (ad esempio spine Schuko) è di principio vietata in Svizzera e consiglia ai consumatori di rinunciare all'acquisto. Mette pure in guardia contro apparecchi particolarmente economici provenienti dall'Asia. Spesso sono imitazioni che con un uso prolungato possono risultare non sufficientemente sicuri, afferma la nota.

I consumatori dovrebbero prestare attenzione alla presenza di una spina svizzera corretta, di un servizio clienti raggiungibile e competente, di istruzioni per l'uso comprensibili e del marchio di omologazione apposto sull'apparecchio, afferma ancora l'ESTI. La lista è consultabile all'indirizzo www.esti.admin.ch.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.