Navigation

Un jihadista in questura Parigi, polemiche su ministro Castaner

È bufera in Francia attorno al ministro dell'Interno Christophe Castaner (qui attorniato dai giornalisti dopo la strage nella questura di Parigi). KEYSTONE/EPA/IAN LANGSDON sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 05 ottobre 2019 - 20:28
(Keystone-ATS)

Un jihadista nel cuore della questura, la roccaforte della sicurezza di Parigi: è bufera su Christophe Castaner, il ministro dell'Interno di cui la destra e l'estrema destra chiedono le dimissioni.

Castaner, dopo l'assassinio di 3 poliziotti e una funzionaria, giovedì scorso, aveva escluso la pista terroristica. Mickael Harpon, invece, non soltanto era un musulmano vicino ai salafiti, ma si era radicalizzato ed ha ucciso per la jihad.

A distanza di tre giorni dalla strage, le dichiarazioni del procuratore antiterrorismo, Jean-François Ricard, hanno il sapore di una disfatta dei servizi di sicurezza. Harpon era nel cuore della prefettura, da 20 anni lavorava ai delicatissimi servizi informatici dei "renseignements". E da 10 anni si era convertito all'islam, le sue abitudini erano cambiate, aveva addirittura difeso - e per questo era stato segnalato alle autorità - gli assassini di Charlie Hebdo.

Eppure, ha continuato indisturbato il suo percorso nel cuore della sicurezza della Francia, con un tesserino che gli consentiva di accedere alle informazioni top secret. Fino alla notte in cui ha avuto le "visioni", ha sentito le "voci" e poi ha annunciato alla moglie, musulmana di origini arabe, di aver comprato i coltelli per compiere la strage.

"Segui il nostro amato profeta Maometto e medita il Corano", le sue ultime parole alla consorte, poco più di un'ora prima di uccidere i colleghi.

"Martedì chiederò una commissione d'inchiesta parlamentare, si tratta di una vicenda gravissima", ha tuonato Christian Jacob, capogruppo dei deputati Républicain e aspirante leader del partito. Il caso, ha aggiunto, "intacca la sicurezza, l'efficacia dei nostri servizi".

Anche l'ex presidente Nicolas Sarkozy ha affermato che "bisognerà capire perché e come sia possibile una cosa del genere". Il deputato Eric Ciotti ha twittato: "Castaner ha voluto nascondere la verità o è soltanto un incompetente? E' screditato e non può rimanere in carica".

Ha alzato ulteriormente i toni Marine Le Pen, presidente del Rassemblement National, che ha parlato di "scandalo di Stato": "Il caso è particolarmente grave - ha detto - le disfunzioni sono serissime. Per questo, a nome dei deputati del Rn, chiedo l'apertura immediata di un'inchiesta".

Il procuratore Ricard ha ammesso oggi che Harpon "aderiva a una visione radicale dell'islam" ed era in contatto con individui "del movimento islamico salafita". L'uomo si abbandonava a "certi abusi commessi in nome della religione" islamica, il "suo desiderio di non avere più alcuni contatti con le donne", la sua "giustificazione" degli attentati contro Charlie Hebdo nel 2015.

Harpon aveva cambiato abitudini da mesi, non vestiva più all'occidentale, andava tutte le mattine all'alba alla moschea in abiti "tradizionali". E lo vedevano i vicini di casa, molti dei quali poliziotti.

Fra i fatti emersi a carico di Harpon, senza conseguenze sulla sua posizione all'interno della questura, anche una denuncia per violenze coniugali proprio prima di convertirsi all'islam, nel 2009.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.