Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

In Europa un neonato su cento nasce con disturbi causati dal consumo di alcol di sua madre durante la gravidanza. Oggi, in occasione della giornata mondiale per la prevenzione della sindrome alcolica fetale, Dipendenze Svizzera rende attenti a questo fenomeno.

Stando alle cifre fornite dal Monitoraggio svizzero delle dipendenze, nel nostro paese il 18,7% circa delle donne tra i 15 e i 45 anni almeno una volta al mese beve alcol in eccesso (almeno quattro bicchieri standard) in un'unica occasione. In questa fascia d'età, tra le donne che aspettano un bambino, quelle che bevono in eccesso sono tra il 5 e il 6%.

Anche se ad oggi non si conosce con esattezza la quantità di alcol che si può consumare senza compromettere lo sviluppo del bambino, i danni sui neonati possono essere considerevoli: per la Svizzera non esistono cifre attendibili, ma si stima che in Europa la percentuale di bimbi che vengono al mondo con la sindrome alcolica fetale (FAS) oscilli tra lo 0,5 e il 2 per mille. Globalmente 1 neonato su 100 è invece affetto dai disturbi dello spettro fetale alcolico (FASD).

Problemi di salute

Tutti i danni alla salute correlati al consumo di alcol rientrano nella sigla FASD, che in inglese sta per "Fetal Alcohol Spectrum Disorder". In molti casi, i problemi di salute si manifestano in disturbi dell'attenzione, dell'apprendimento, del linguaggio, o in disturbi comportamentali come l'iperattività e l'impulsività.

Nel bambini affetti specificatamente dalla FAS si osservano ritardi di crescita, anomalie fisiche (soprattutto alla testa e al volto), nonché disfunzioni del sistema nervoso centrale con i relativi danni, tra cui anche ritardi nello sviluppo mentale e deficit intellettivi.

Attraverso la placenta l'alcol finisce direttamente nel sangue del feto. In altre parole, quando la mamma beve, beve anche il bambino. Anche se allo stato attuale delle conoscenze non si sa con esattezza a partire da che quantità si possa mettere a repentaglio la salute del bambino, conviene andare cauti con il consumo di alcol.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS