Navigation

Un patto per più sicurezza sui cantieri

Questo contenuto è stato pubblicato il 08 settembre 2011 - 12:01
(Keystone-ATS)

Dimezzare gli infortuni mortali e i casi di invalidità sui cantieri. È l'obiettivo della "Charta della sicurezza": un accordo elaborato con il patrocinio della Suva e sottoscritto dai progettisti, dagli esecutori dei lavori, dalle associazioni padronali e dai sindacati.

Negli ultimi 10 anni oltre 280 persone hanno perso la vita sui cantieri svizzeri. Un terzo di tutti gli infortuni che portano alla morte o all'invalidità avvengono nel settore dell'edilizia, indica oggi la Suva in una nota.

La Charta della sicurezza sancisce il diritto di interrompere il lavoro in caso di pericolo e riprenderlo solo una volta ripristinata la sicurezza. I firmatari si impegnano a mettere in pratica le regole fondamentali per la sicurezza sui cantieri. Il messaggio chiave, che comparirà su diversi materiali da usare sui cantieri, è: "In caso di pericolo, STOP ai lavori - Elimina il pericolo - Riprendi i lavori".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?