Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un'immagine simbolica mostra una bambina che si nasconde (foto d'archivio).

Keystone/LEO THAL

(sda-ats)

Gli abusi su minori da parte di viaggiatori sono in aumento. Il sito web "Non chiudiamo gli occhi" offre informazioni, consigli e un metodo di notifica per contribuire alla lotta a tale fenomeno.

Lo sfruttamento sessuale dei bambini è una triste realtà che tende a crescere con l'aumento dei turisti, informa una nota odierna della Protezione dell'infanzia Svizzera, che cita il nuovo studio mondiale "Global Study on Sexual Exploitation of Children in Travel and Tourism" della rete globale contro lo sfruttamento sessuale e la tratta di minori ECPAT International.

Le nuove destinazioni e offerte turistiche, come ad esempio le attività di volontariato in orfanotrofi e scuole, nonché le nuove possibilità tecnologiche accrescono i rischi per bambini e adolescenti di rimanere vittime di sfruttamento sessuale.

La piattaforma - realizzata in collaborazione con l'Ufficio federale di polizia (fedpol) - si rivolge a viaggiatori, specialisti del settore turistico e organizzazioni turistiche e offre tra le altre cose la possibilità di segnalare online alla fedpol casi sospetti osservati in vacanza o in viaggio. È così possibile contribuire alla lotta contro gli abusi su minori, la pedopornografia e la tratta di minori in Svizzera e all'estero.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS