Navigation

Un tedesco su quattro ha pensieri antisemiti

Secondo lo studio molti in Germania non apprezzano gli ebrei. KEYSTONE/EPA/TIM BRAKEMEIER sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 24 ottobre 2019 - 12:39
(Keystone-ATS)

Il 27% dei tedeschi e il 18% dell'élite economica in Germania hanno schemi di pensiero di matrice antisemita: è quanto emerge da uno studio basato su un sondaggio condotto dal Congresso mondiale ebraico in oltre 100 paesi, riferisce la Süddeutsche Zeitung.

Secondo questa ricerca, che ha sondato un campione di 1300 persone, l'antisemitismo è cresciuto nella società tedesca. Il 41% della popolazione ritiene che gli ebrei parlino troppo di Shoah, il 28% delle élite ritiene che abbiano un posto troppo importante nell'economia, e il 26% "che abbiano troppo potere nella politica mondiale". Dichiarazioni, queste ultime due, che appartengono al repertorio dell'antisemitismo classico, fa notare il quotidiano tedesco.

Il 48% ritiene che gli ebrei siano più leali ad Israele che alla Germania e nel 22% dei casi che l'odio sia dovuto alle loro azioni, più che a motivi religiosi. Allo stesso tempo lo studio mostra che aumenta la consapevolezza in Germania di un antisemitismo crescente e il desiderio di combatterlo: due terzi del campione dell'élite sarebbe disposto a firmare una petizione contro l'antisemitismo, un terzo a manifestare contro il diffondersi del fenomeno e il 60% ammette che gli ebrei sono esposti al rischio di aggressione fisica o verbale.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.