Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il Consiglio federale intende destinare alla cooperazione internazionale 11 miliardi di franchi nel periodo 2017-2020.

Per la prima volta, accanto all'aiuto umanitario, alla cooperazione allo sviluppo con i Paesi del Sud e alle misure di politica economica, la strategia prevede anche la promozione della pace e la sicurezza umana.

Grazie alla combinazione vincente di questi strumenti è possibile alleviare le conseguenze di crisi, conflitti, cambiamenti climatici, povertà, disuguaglianze e mancanza di prospettive economiche, aiutando a prevenire i conseguenti esodi migratori, spiega il governo.

La cooperazione internazionale si occupa direttamente delle questioni migratorie, fornendo assistenza e protezione ai rifugiati e agli sfollati. Gli importi per svolgere questi compiti possono variare in funzione delle crisi e conflitti esistenti e per il momento sono stimati a circa 5%.

Svolge anche un'azione a più lungo termine agendo sulle cause della migrazione, in particolare i conflitti, la povertà, la mancanza di prospettive economiche, le violazioni dei diritti umani o le conseguenze del cambiamento climatico.

Migliorando le condizioni di vita sul posto e offrendo prospettive alla popolazione si offre un'alternativa alla migrazione, spiega il Consiglio federale. L'impegno nei contesti fragili, che può essere considerato come un contributo indiretto, è stimato a circa 14% dell'importo totale della cooperazione internazionale per il periodo 2017-2020.

La cooperazione contribuisce anche agli sforzi volti a prevenire l'estremismo violento, ad esempio offrendo prospettive ai giovani o intervenendo sulle radici dei conflitti, come l'esclusione sociale e politica, le discriminazioni e la sotto occupazione.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS