Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Secondo il ministro degli esteri ungherese, Peter Szijarto, Budapest sta "rispettando le regole di Schengen, per cui ogni paese è responsabile della difesa della sua frontiera esterna" e perciò "è inaccettabile essere criticati per questo".

Peter Szijarto, arrivando al consiglio informale,ha parlato di "163'000 migranti irregolari" entrati nel Paese "per il 99,3% dalla Serbia" ed aggiunge che "la Ue deve smetterla di creare sogni e speranze irrealistici nelle gente che vuole venire per motivi economici".

Il capo della diplomazia di Budapest poi afferma che il suo Paese "accoglie i rifugiati" ma "bisogna distinguere chi viene per ragioni economiche" e sottolinea che "dopo certe dichiarazioni i migranti a Budapest sono diventati aggressivi ed hanno smesso di collaborare con le autorità" nelle operazioni di identificazione e presa delle impronte digitali. "Questo ci ha costretto a cancellare tutti i treni verso ovest", conclude Szijarto.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS