Retromarcia del premier ungherese Viktor Orban sulla pena di morte. In una telefonata col presidente dell'europarlamento Martin Schulz - si legge in una nota di Schulz - "Orban assicura che il governo non pianifica alcun passo per introdurre la pena di morte".

Inoltre, si legge ancora nella di Schulz, "rispetterà ed onorerà tutti i Trattati e le leggi Ue".

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.