Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Tafferugli tra migranti e polizia ungherese sono scoppiati nel pomeriggio a Bicske, a ovest di Budapest, dove le autorità hanno fermato un treno carico di profughi. Lo riferisce la Bbc.

La polizia ha cercato di far scendere i migranti dal treno, ma questi ultimi hanno rifiutato.

Stamane molti migranti si sono riversati nella stazione di Budapest non più presidiata dalla polizia, ma le Ferrovie hanno comunicato che, per ragioni di sicurezza del trasporto ferroviario, non ci sono treni che vanno verso l'Europa occidentale.

La polizia ha tolto il doppio cordone davanti alla stazione ferroviaria Keleti, e i migranti hanno subito invaso la sala grande.

Nello stesso tempo, la direzione delle ferrovie ha annunciato il blocco di tutti i treni internazionali. Nonostante questo, i migranti si sono riversati su un treno, destinato ad una linea interna, diretto verso la frontiera ovest, a Sopron, non sapendo che non andrà oltre. Molti si sono aggrappati alle porte dei vagoni non potendo entrare, ed invaso anche la banchina lungo il treno che non si sa se e quando potrà partire.

"Colpa della Germania"

Secondo il vicepremier ungherese Janos Lazar la responsabilità delle "scene tumultuose" di oggi alla stazione Keleti di Budapest è della Germania: "sono la conseguenza dell'incerta posizione della Germania, che aveva fatto nascere delle illusioni nei profughi che non volevano più collaborare con le autorità ungheresi", ha affermato Lazar. Il vicepremier ha poi sottolineato che l'Ungheria si atterrà alle regole di Schengen e Dublino. Budapest vuole registrare tutti coloro che sono entrati nel paese ed avviare la procedura d'asilo per coloro a cui spetta il riconoscimento di questo diritto.

"La Germania fa ciò che va fatto moralmente e giuridicamente. Né più né meno", è stata la risposta della cancelliera tedesca Angela Merkel.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS