Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

GINEVRA - Ricercatori dell'università di Ginevra hanno mostrato che in topi ammalati di diabete determinate cellule del pancreas sono trasformate spontaneamente in un altro tipo cellulare in grado di produrre insulina. È la mancanza di questo ormone a provocare la patologia. La ricerca dell'équipe lemanica è pubblicata oggi sulla prestigiosa rivista "Nature".
Il gruppo dell'ateneo ginevrino diretto da Pedro Herrera ha lavorato con topi modificati geneticamente in modo che si ammalassero di diabete di tipo 1. Nell'uomo questa patologia appare spesso all'età infantile. Si tratta di una malattia autoimmune, caratterizzata dalla distruzione delle cellule beta del pancreas, responsabili della sintesi dell'insulina.
I ricercatori, che hanno prodotto topi transgenici in cui le cellule beta sono eliminate, hanno scoperto che i roditori sono in grado di generare nuove cellule produttrici d'insulina a partire da cellule di un altro tipo.
La conversione, in topi adulti, di cellule mature in altri tipi cellulari finora non era mai stata osservata. I ricercatori pensano che un fenomeno analogo potrebbe valere anche per altre malattie in altri organi, come tumori. Per gli studiosi il fenomeno però probabilmente si presenta solo nel caso in cui un tipo di cellula è totalmente o quasi totalmente distrutto, come avvenuto nella loro ricerca sulle cellule beta.

SDA-ATS