Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

"È ora di finirla con questo teatro! Il futuro della Svizzera è l'industria": questo il motto della giornata d'azione indetta dal sindacato Unia oggi a Berna.

Diverse centinaia di lavoratori di tutto il paese voteranno il "Manifesto per una Svizzera industriale" contenente rivendicazioni e proposte all'indirizzo di Consiglio federale e Parlamento, indica Unia in una nota.

Secondo il sindacato, la politica monetaria della Banca nazionale, la rimessa in discussione della libera circolazione delle persone e degli accordi bilaterali con l'UE e il rifiuto del Governo e delle associazioni padronali di elaborare una politica industriale proattiva mettono in grave pericolo la piazza industriale elvetica. Ora - per contrastare questo "veleno per l'industria svizzera" - "urge un cambiamento di rotta", sottolinea Unia.

Di qui la necessità di una giornata d'azione. Il sindacato ha mobilitato diverse centinaia di lavoratori e lavoratrici dell'industria provenienti da tutta la Svizzera, per discutere i problemi e le sfide attuali. Al termine, verso le 15.15, i partecipanti voteranno il manifesto, che verrà poi consegnato alla Cancelleria federale all'attenzione del Consiglio federale e del Dipartimento competente.

Vari gli interventi previsti all'interno del "Theaterkubus" - una costruzione temporanea che ospita provvisoriamente lo "Stadttheater di Berna durante i lavori di rinnovo - sulla Waisenhausplatz, tra cui quello di Vania Alleva, presidente di Unia, di Daniel Heizmann, presidente del ramo professionale Industria MEM del sindacato, e del consigliere nazionale Corrado Pardini (PS/BE), responsabile del comparto industriale all'interno della direzione nazionale di Unia.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS