Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Unicef: mortalità infantile, in 20 anni da 12 a 6,9 milioni

Il numero di bambini sotto i cinque anni che muoiono ogni anno è sceso da circa 12 milioni nel 1990 a 6,9 milioni nel 2011. I dati dell'ultimo rapporto Unicef rilevano che ogni giorno sopravvivono circa 14.000 bambini in più rispetto a due decenni fa: il tasso mondiale di mortalità sotto i 5 anni è sceso da 87 decessi ogni 1.000 nati vivi nel 1990 a 51 nel 2011.

Il dato sconfortante è che comunque ogni giorno nel mondo i bambini sotto i cinque anni che non ce la fanno sono 19.000. Secondo il rapporto 2012 "Committing to Child Survival: A Promise Renewed" che esamina l'andamento delle stime e dei dati sulla mortalità infantile dal 1990, i decessi dei piccoli sotto i 5 anni sono sempre più concentrati nell'Africa sub-sahariana e Asia meridionale, le due regioni che, nel complesso, hanno totalizzato oltre l'80% di tutte le morti infantili nel 2011.

In media, nell'Africa sub-sahariana, un bambino su nove non raggiunge il quinto compleanno. Più della metà dei decessi dovuti a polmonite o diarrea - che, nel complesso, rappresentano quasi il 30% delle morti sotto i 5 anni in tutto il mondo - si verificano in soli quattro Paesi: Repubblica Democratica del Congo, India, Nigeria e Pakistan.

Secondo l'Unicef, le malattie infettive possono essere definite "malattie dell'iniquità" visto che colpiscono soprattutto le popolazioni povere e vulnerabili che non hanno accesso alle cure di base e agli interventi di prevenzione. "Queste malattie sono in gran parte prevedibili, queste morti sono in gran parte evitabili".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.