Navigation

Unione sindacale a Banca nazionale, occorre indebolire il franco

Questo contenuto è stato pubblicato il 19 settembre 2013 - 14:42
(Keystone-ATS)

Il franco rimane troppo forte: la politica monetaria della Banca nazionale svizzera (BNS) è quindi ancora eccessivamente restrittiva, secondo l'Unione sindacale svizzera, che auspica un intervento dell'istituto centrale per far scendere il corso della valuta elvetica nei confronti dell'euro. Tanto più che i rischi per la congiuntura rimangono notevoli, si legge in un comunicato.

Stando alla federazione sindacale gli effetti della politica non sufficientemente espansiva della BNS sono chiaramente visibili: il prodotto interno lordo pro capite in Svizzera ristagna da anni, mentre ad esempio in Germania nello stesso periodo è chiaramente progredito. Intanto la disoccupazione nella Confederazione è salita a livelli più alti di quella registrata nel Land tedesco del Baden-Württemberg, cosa che in passato non era mai successa.

Per l'USS la ricetta è chiara: occorre indebolire il franco. Per raggiungere questo obiettivo l'organizzazione suggerisce da tempo di fissare una soglia minima fra euro e franco più elevata di quella di 1,20 introdotta unilateralmente dalla BNS il 6 settembre 2011.

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?

Non è stato possibile registrare l'abbonamento. Si prega di riprovare.
Hai quasi finito… Dobbiamo verificare il tuo indirizzo e-mail. Per completare la sottoscrizione, apri il link indicato nell'e-mail che ti è appena stata inviata.

Scoprite ogni settimana i nostri servizi più interessanti.

Iscrivitevi ora per ricevere gratuitamente i nostri migliori articoli nella vostra casella di posta elettronica.

La dichiarazione della SRG sulla protezione dei dati fornisce ulteriori informazioni sul trattamento dei dati.