Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il numero di studenti stranieri nelle università svizzere deve essere contenuto. È quanto ritiene il segretario di Stato per la formazione, la ricerca e l'innovazione, Mauro dell'Ambrogio. In un'intervista pubblicata oggi dalla "SonntagsZeitung" afferma di preferire una selezione qualitativa piuttosto che un innalzamento delle tasse di iscrizione.

A suo avviso le misure adottate da ogni singola università non devono essere generalizzate. A San Gallo gli studenti stranieri sono per esempio limitati al 30% poiché l'università non è in grado, per ragioni di capacità, di formare più persone. Tale misura non potrebbe invece essere introdotta all'Università della Svizzera italiana, che senza i molti studenti italiani che la frequentano non potrebbe esistere.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS