Navigation

Uno studio su rapporto inquinamento-salute

È provato: lo smog fa male alla salute. KEYSTONE/TI-PRESS/FRANCESCA AGOSTA sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 19 novembre 2019 - 11:54
(Keystone-ATS)

Ogni anno si registrano in media in Svizzera da 2200 a 2800 decessi prematuri causati dall'inquinamento atmosferico.

Per capire meglio il nesso tra sostanze pericolose e salute, la Confederazione ha avviato uno studio pilota per valutare la fattibilità di un programma nazionale di biomonitoraggio.

Questo studio, precisa una nota odierna dell'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), potrebbe fornire informazioni più precise sull'esposizione della popolazione svizzera alle sostanze potenzialmente dannose.

In diversi settori, precisa la nota, fanno difetto conoscenze scientifiche sulle interazioni tra ambiente e salute umana. Spesso mancano anche i dati sull'esposizione agli inquinanti. In particolare, il grado di esposizione della popolazione ai prodotti chimici e l'effetto sulla salute di un "cocktail" di queste sostanze sono difficili da valutare.

Tale lacuna va colmata dal momento che, secondo l'UFSP, l'inquinamento ambientale fa ammalare le persone. Studi epidemiologici dimostrano che gli inquinanti atmosferici causano malattie polmonari e favoriscono lo sviluppo del cancro ai polmoni e delle malattie cardiovascolari. Solo in Svizzera, questo inquinamento è responsabile ogni anno di 2200-2800 decessi prematuri. Un'esposizione eccessiva al rumore disturba il sonno e aumenta a lungo termine il rischio di malattie cardiovascolari, diabete o sovrappeso.

Le autorità non sono rimaste in panciolle finora di fronte a simili pericoli: una legislazione severa in materia di prodotti chimici ha consentito di ridurre le concentrazioni di inquinanti organici e di metalli pesanti tossici come il mercurio. Nonostante i progressi, la situazione è lungi dall'essere ideale; le concentrazioni di polveri fini e di ozono sono regolarmente troppo elevate, mentre la pressione sulle acque, e quindi sulla qualità delle risorse di acqua potabile, è in aumento. Insomma, uno studio puntuale è più che necessario.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.