Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'uomo di Neanderthal sapeva curarsi e questo ha permesso la sua sopravvivenza (foto d'archivio)

Keystone/EPA/JOERG CARSTENSEN

(sda-ats)

L'uomo di Neanderthal sapeva curarsi e questo ha permesso la sua sopravvivenza. E la conclusione cui sono giunti i ricercatori dell'Università di York nella ricerca pubblicata sulla rivista Quaternary Science Reviews.

Gli studiosi hanno analizzato i resti di più di 30 individui nei quali lesioni minori e gravi erano evidenti, ma non ne avevano causato la morte. Ciò ha fatto pensare che i Neanderthal dovessero avere un sistema di cure.

"L'alto livello di lesioni e il recupero delle gravi condizioni, come una gamba rotta, suggeriscono che altre persone devono aver collaborato alle loro cure e aiutato non solo ad alleviare il dolore, ma a recuperare in salute e a partecipare di nuovo, attivamente, al gruppo", spiega Penny Spikins, del dipartimento di archeologia dell'Università di York.

I Neanderthal vivevano in piccoli gruppi, quindi ogni morte era particolarmente significativa per la sopravvivenza dell'intera comunità. Le ferite o le malattie erano le minacce più comuni, poiché non vivevano in ambienti o in comunità abbastanza grandi da essere ad alto rischio di agenti patogeni. Le donne Neanderthal, tuttavia, erano a rischio per complicazioni del parto. La forma del loro bacino e le dimensioni e la forma della testa di un bambino erano simili a quelle degli uomini moderni. Quindi gli studiosi immaginano che possano avere avuto diversi problemi per far nascere i figli.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS