Navigation

UR: contadino regala una strada alla moglie per 30 anni matrimonio

Questo contenuto è stato pubblicato il 29 ottobre 2014 - 16:59
(Keystone-ATS)

In occasione dei 30 anni di matrimonio, un contadino del canton Uri ha regalato alla moglie... una strada. Hans Briker l'ha fatta costruire, mettendoci mano egli stesso con il figlio Michael, dopo averla promessa tre decenni fa alla sua Lisbeth: una strada privata non asfaltata lunga due chilometri e mezzo che sale fino alla sua fattoria appartata sulle pendici della montagna sopra l'Axenstrasse, a sud di Sisikon, finora raggiungibile soltanto con una vecchia funivia o con una buona ora di faticosa marcia.

Il grosso dell'opera è ora ultimato, riferisce oggi in una nota l'Aiuto Svizzero alla Montagna che ha sostenuto finanziariamente il contadino. La stradina conduce per un ripido pendio dal lago d'Uri fino a Unter Axen, monte situato a circa 800 metri di altitudine.

La "piccola e rustica" funivia, costruita nel 1960, che sale "avventurosa e inaffidabile" dalla Tellsplatte - dove secondo la leggenda l'eroe nazionale Guglielmo Tell sarebbe saltato a riva dalla barca del balivo Gessler per sfuggirgli - dovrebbe ora essere smantellata.

Poiché l'Unten Axen figura tra i monumenti paesaggistici e naturali di importanza nazionale, la procedura di autorizzazione ha richiesto molta pazienza, scrive l'Aiuto Svizzero: ci sono voluti quasi dieci anni prima che i vari gruppi d'interesse e le autorità si trovassero d'accordo sui piani concreti di costruzione.

In estate sono infine entrati in azione gli escavatori. Gli ultimi metri di strada fino alla stalla superiore dovrebbero essere finiti entro l'inverno. Lisbeth Briker non si è ancora abituata a vedere l'auto davanti a casa: "Ma me ne rallegro ogni giorno".

La nuova strada verrà a costare, escluso il lavoro fatto dal contadino e dal figlio muratore "liberato" per tutta l'estate dal datore di lavoro, circa un milione di franchi ed è stata finanziata, oltre che dai risparmi dell'interessato, dalla mano pubblica, da sussidi e da un contributo dell'Aiuto Svizzero alla Montagna.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.