Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Quattordici pecore sono state sbranate nei giorni scorsi sull'alpe di Gitschenen, nel canton Uri, vicino al confine con il canton Nidvaldo dove altre 8 pecore erano state uccise una decina di giorni fa. Le autorità ritengono che il predatore sia un lupo.

Il gregge è stato assalito a due riprese, la prima tra la sera di giovedì e la mattina di sabato scorsi, la seconda nella notte tra domenica e ieri, ritiene il guardacaccia di Isenthal Oskar Bissi, che ha confermato oggi all'ats una notizia pubblicata dalla Neue Urner Zeitung.

A suo avviso, il genere di ferite fa pensare che è stato quasi certamente un lupo. Un'analisi del Dna è stata disposta per ottenere conferma, ma si dovranno aspettare ancora circa tre settimane.

Complessivamente sull'alpe si trovavano 207 pecore. Quattordici, appartenenti a sei diversi proprietari, sono state trovate morte mentre diverse altre sono ancora disperse o non sono state ancora contate. Gli ovini si trovavano su un pascolo non recintato e non erano state prese misure di protezione particolari, secondo il guardacaccia.

A pochi chilometri di distanza, sull'altro versante della montagna nel vicino canton Nidvaldo, otto pecore erano state uccise nella notte tra il 4 e il 5 giugno presso Emmetten. Anche in questo caso il predatore è stato verosimilmente un lupo.

Le autorità locali pensano si tratti dello stesso animale fotografato da un automobilista 24 ore prima vicino a Isleten (UR), sul lago di Uri, da dove sale la valle che porta all'alpe sul quale è avvenuta l'ultima strage.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS