Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Urla e pugni sul tavolo, a Onu sale tensione Usa-Cuba

Scoppia la tensione al Palazzo di Vetro dell'Onu tra Stati Uniti e Cuba. I diplomatici dell'Avana hanno interrotto un evento organizzato da Washington sulla situazione dei prigionieri politici cubani battendo i pugni sul tavolo e urlando: "Cuba sì, embargo no".

L'ambasciatrice Usa al Consiglio Economico e Sociale (Ecosoc), Kelley Currie, ha chiesto ripetutamente l'intervento della sicurezza, ma invano, visto che in base ai protocolli delle Nazioni Unite i diplomatici non posso essere trattenuti fisicamente.

"In vita mia non ho mai visto dei diplomatici comportarsi come la delegazione cubana oggi. È stato sconvolgente e inquietante", ha detto, sottolineando come "questo comportamento da criminali non deve avere posto alle Nazioni Unite".

Il Dipartimento di Stato americano, presentando la campagna intitolata 'Jailed for What?', ha affermato che i 130 prigionieri politici cubani sono "un segno esplicito della natura repressiva del regime e rappresentano un palese affronto alle libertà fondamentali che gli Stati Uniti e molti altri governi democratici sostengono".

L'ambasciatrice cubana al Palazzo di Vetro, Anayansi Rodríguez Camejo, ha descritto la riunione come una "farsa politica". "Cuba è orgogliosa dei suoi record sui diritti umani - ha commentato -. Al contrario, gli Usa non hanno la moralità per dare lezioni, e ancor meno su questa materia". Il governo dell'Avana sostiene di non avere prigionieri politici e definisce i dissidenti come mercenari pagati da Washington per destabilizzare il governo.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.