Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Lo scorso 6 gennaio è stata una giornata negativa per Gerhald Acosta, un operaio meccanico uruguaiano, che non ha potuto presentarsi al lavoro, in una fabbrica di Colonia (ovest del Paese), perché aveva la carta di identità scaduta, e si è ritrovato a fare autostop su una strada dove nessuno si fermava a prenderlo. Nessuno, cioè, tranne José "Pepe" Mujica, il presidente del piccolo Paese sudamericano.

Acosta ha raccontato l'episodio su Twitter: "era un bel po' che stavo camminando, saranno passate 20 o 30 macchine, ma nessuna si è fermata", finché non è arrivato un furgone con targa ufficiale seguito da una piccola macchina. Un uomo è sceso dal furgone e gli ha chiesto dove andava, lui ha spiegato che tornava a casa, nella località di Juan Lacaze, e l'uomo gli ha detto che fino ad Anchorena - dove si trova la residenza estiva del presidente - lo potevano portare.

"Quando sono salito in macchina, sul sedile di dietro, c'era una signora e io mi sono detto 'a questa donna io la conosco'. Era Lucia (Topolanski, la moglie di Mujica) con la famosa Manuela (la cagnetta della coppia, che ha solo tre zampe). Il Pepe era seduto davanti. Io non ce la facevo a credere che era il presidente che mi aveva dato un passaggio", ha scritto l'operaio.

"Ho perso un giorno in fabbrica, però che esperienza!", ha concluso Acosta.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS