Navigation

Usa, 1 miliardo a Moderna per vaccino Covid, interessa anche Lonza

L'interesse per un vaccino è altissimo. KEYSTONE/AP/Ted S. Warren sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 27 luglio 2020 - 12:00
(Keystone-ATS)

Il governo americano vuole raddoppiare gli investimenti messi a disposizione della società statunitense Moderna - che collabora con l'elvetica Lonza - per lo sviluppo di un vaccino contro il Covid-19.

L'azienda con sede a Cambridge, nel Massachusetts, avrà a disposizione quasi un miliardo di dollari.

Ai 483 milioni di dollari già promessi dall'esecutivo Usa se ne aggiungono ora fino a 472 milioni, ha indicato ieri Moderna. Il forte aumento è giustificato dal fatto che i piani per la terza e ultima fase di test del vaccino sono stati significativamente ampliati, ha spiegato l'impresa.

La terza fase, che prevede 30'000 partecipanti negli Usa, dovrebbe cominciare oggi. La metà dei partecipanti riceverà il potenziale vaccino e l'altra metà un placebo. Secondo Moderna l'obiettivo è quello di determinare se il farmaco è sicuro e può effettivamente prevenire l'infezione o almeno prevenire un grave decorso della malattia. I risultati delle ricerche dell'azienda finora pubblicati fanno nascere speranze: tutti i 45 volontari interessati dalla prima fase del test hanno sviluppato anticorpi contro il coronavirus e non sono emersi effetti collaterali gravi.

Intorno a questi studi ruotano interessi commerciali enormi, con addentellati anche in Svizzera. A produrre il principio attivo del preparato di Moderna è infatti il gruppo basilese Lonza. Non è quindi un caso che il titolo dell'impresa con stabilimenti a Visp sia oggi fra i più tonici alla borsa svizzera, arrivando a guadagnare circa l'1% in un mercato generalmente piatto.

A vaccini stanno lavorando diverse imprese in tutto il mondo, fra cui l'americana Pfizer e la tedesca Biontech che portano avanti un progetto congiunto. Il governo statunitense ha ordinato in anticipo a Biontech e Pfizer vaccini contro il coronavirus per un valore di 1,95 miliardi di dollari, ha annunciato mercoledì la società tedesca.

Come noto gli Stati Uniti sono di gran lunga il paese più colpito al mondo dalla pandemia. Sono stati registrati 4,2 milioni di infezioni e circa 147'000 decessi. Le autorità sperano di poter avere un vaccino disponibile già nei primi mesi del prossimo anno.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.