Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Sette milioni di dollari per un cappio, ma certo non uno qualunque: quello usato per impiccare il deposto dittatore iracheno Saddam Hussein, nel 2006. Tanto è stato offerto per il "prezioso" pezzo di corda, che è custodito da Mowaffak al Rubaie, consigliere per la sicurezza nazionale irachena tra il 2004 e il 2009.

La notizia della vendita, non confermata dal governo iracheno, ha suscitato in Medio Oriente una vera caccia al macabro cimelio. A contenderselo ci sarebbero tra gli altri "paperoni" del Kuwait, Iran e persino Israele. Al punto che, scrive il Washington Post citando la pubblicazione locale Al-Araby Al-Jadeed, al Rubaie avrebbe per ora rifiutato l'offerta di sette milioni, nel tentativo di andare al rialzo.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS