Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'Isis ha usato armi chimiche in Iraq e in Siria. A lanciare l'allarme il numero uno della Cia, John Brennan.

Intervistato da '60 Minutes' in onda su Cbs, Brennan ha detto che gli estremisti islamici sono in grado di produrre piccole quantità di gas mostarda e di cloro per le armi e le hanno poi usate sul terreno di battaglia.

"Abbiamo una serie di esempi - ha spiegato Brennan - dove Isis ha usato munizioni chimiche sul campo di battaglia e il rischio è che tentino di esportare queste armi verso l'occidente a scopo di lucro". Le dichiarazioni da parte dell'Intelligence americana sembrano quindi confermare quanto detto da James Clapper, direttore della National Intelligence, davanti ad una commissione congressuale due giorni fa.

Clapper ha anche aggiunto che è la prima volta dall'attacco terroristico alla metropolitana di Tokyo nel 1995 che un gruppo estremista produce e usa agenti chimici per armi. All'epoca, in Giappone, l'uso del sarin provocò la morte di 12 persone e l'intossicazione di altre migliaia.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS