Navigation

Usa: attacco a rabbino; "aggressore ha problemi mentali"

L'uomo che armato di machete ha ferito cinque persone in casa di un rabbino a Monsey, vicino a New York, "non è un terrorista ma è un malato di mente che, come molti altri, non è aiutato dal sistema". Lo afferma un reverendo che lo conosce da dieci anni. KEYSTONE/AP sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 30 dicembre 2019 - 08:22
(Keystone-ATS)

Grafton Thomas, l'uomo che armato di machete ha ferito cinque persone in casa di un rabbino a Monsey, vicino New York, "non è un terrorista ma è un malato di mente che, come molti altri, non è aiutato dal sistema".

Lo afferma il reverendo Wendy Paige, che conosce Thomas da dieci anni. "Non è una persona violenta, è una persona confusa", aggiunge Paige, mettendo in evidenza che Thomas ha problemi mentali da 20 anni ed è entrato e uscito da molti centri dove ha ricevuto trattamenti.

Secondo i vicini era sempre da solo ma era cordiale, sorrideva spesso.

Anche se secondo il sindaco di Grenwood Lake, la cittadina dove abitava con la madre, Thomas era un uomo normale. "Giocava spesso a basket al parco. La gente è molto sorpresa dall'aver appreso che è il responsabile di un'azione così orribile. Non c'era ragione per ritenere che fosse una persona capace di un gesto come questo" dice Jesse Dwyer.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.