Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La CiIA non userà più tecniche di interrogatorio dure come il waterboarding, nemmeno se a ordinarlo sarà il futuro presidente degli Stati Uniti: parola del capo dell'agenzia di intelligence, John Brennan.

In una intervista a Nbc News Brennan ha affermato: "non accetterò di applicare nessuna di queste tecniche, e non sarei d'accordo che un funzionario della CIA utilizzasse nuovamente il waterboarding". La tecnica di interrogatorio è considerata 'tortura' dal diritto internazionale e il suo utilizzo è stato vietato negli Stati Uniti nel 2009.

Quello del numero uno della CIA è un riferimento indiretto alle dichiarazioni del candidato alle primarie repubblicane Donald Trump, il quale ha assicurato che se verrà eletto alla Casa Bianca ripristinerà il waterboarding e molto altro per carpire informazioni da potenziali terroristi.

E anche il senatore del Texas Ted Cruz ha precisato di non considerare tale metodo una tortura: anche se non lo vorrebbe reintrodurre in maniera diffusa, inoltre, non escluderebbe come Commander in Chief di "usare qualsiasi metodo di interrogatorio per mantenere il Paese sicuro".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS