Navigation

Usa: Buffett rileva Heinz; Sec congela conto svizzero per sospetto insider trading

Questo contenuto è stato pubblicato il 16 febbraio 2013 - 10:01
(Keystone-ATS)

La Sec getta un'ombra sulla maxi-acquisizione di Heinz da parte della Berkshire Hathaway di Warren Buffett e della brasiliana 3G Capital, destinata potenzialmente a ridisegnare l'industria alimentare americana. L'autorità statunitense di sorveglianza dei mercati finanziari è riuscita ad ottenere d'urgenza, con la presentazione di un'azione legale, il congelamento di un conto di trading della banca Goldman Sachs a Zurigo, dove da dove sarebbero stati effettuati "scambi molto sospetti" sulle opzioni Heinz. Scambi sulle call option che avrebbero portato i trader, non identificati nella causa avviata presso la corte federale di Manhattan, a realizzare profitti per 1,7 milioni di dollari.

Scambi insoliti che hanno immediatamente destato l'attenzione della Sec, anche perché effettuati già alla vigilia dell'annuncio ufficiale della maxi-operazione, dato giovedì. Indagini preliminari - secondo indiscrezioni - sarebbero state avviate nella stessa giornata con l'obiettivo di verificare un eventuale caso di insider trading.

"Gli accusati si trovano a Zurigo, in Svizzera o hanno agito attraverso conti lì situati", si legge in un documento inoltrato ieri dalla Sec alla corte di Manhattan, di cui l'ats detiene una copia. "I trader possedevano informazioni importanti, non ancora pubbliche, sulle intenzioni di rilevamento e in questo modo si sono arricchiti illegalmente." La Sec chiede al giudice Jed Rakoff - lo stesso che si è occupato del caso della Banca Wegelin, accusata di aver aiutato clienti americani ad eludere il fisco - di aprire un procedimento contro i trader.

Berkshire Hathaway e 3G Capital hanno messo sul piatto 23 miliardi di dollari (più assunzione di 5 miliardi di debiti) per Heinz, il famoso gruppo del ketchup con 32'000 dipendenti e che ha realizzato vendite per 11,6 miliardi di dollari nel 2012, con l'Europa come suo maggiore mercato.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.