Navigation

Usa: cacciato il capo ad interim dell'anti-terrorismo

Russell Travers KEYSTONE/AP/Andrew Harnik sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 20 marzo 2020 - 16:25
(Keystone-ATS)

Continua il rimpasto nell'intelligence Usa, anche se per i detrattori del presidente degli Stati Uniti i Donald Trump si tratta di 'purghe' che rischiano di politicizzare i servizi di sicurezza.

Il capo ad interim del National Counterterrorism Center Russell Travers e il suo vice sono stati licenziati, secondo fonti informate citate dal Wall Street Journal.

Travers, veterano dell'anti-terrorismo in carica dallo scorso agosto nell'organismo istituito dopo l'11 settembre per proteggere l'America da ulteriori attacchi, avrebbe ricevuto il benservito da Richard Grenell, direttore ad interim della National Intelligence e fedelissimo del presidente americano. Via anche il vice di Travers, Peter W. Hall, che tornerà alla National Security Agency.

Ieri, intanto, la Casa Bianca ha nominato un nuovo capo del National Counterterrorism Center: si tratta di Christopher Miller, funzionario di anti-terrorismo e operazioni speciali del Pentagono. Una portavoce di Grenell, tuttavia, ha fatto sapere al Washington Post che Travers non è stato licenziato. Gli "è stata offerta l'opportunità di passare a un nuovo ruolo ma lui ha scelto di andare in pensione, dicendo che non non voleva un altro incarico", ha spiegato.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.