Navigation

Usa: capitale mette nel mirino monumenti controversi

Usa: nel mirino alcuni monumenti controversi (foto simbolica) KEYSTONE/EPA/JIM LO SCALZO sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 02 settembre 2020 - 07:59
(Keystone-ATS)

È guerra ai simboli più controversi del passato della capitale Usa, dove una commissione consultiva dell'amministrazione locale ha suggerito per oltre 150 tra monumenti, edifici, scuole e parchi il cambio di nome, la loro contestualizzazione o la loro rimozione.

La lista, elaborata dopo le proteste per l'uccisione di George Floyd da un gruppo di lavoro incaricato dal sindaco democratico Muriel Bowser, comprende l'obelisco del Washington Monument, il Jefferson Memorial, le statue di Cristoforo Colombo e dell'ex presidente americano Andrew Jackson.

Nella nota si accusa il primo cittadino di "ripetere la stessa narrativa usata dalla sinistra per incitare le pericolose rivolte: demolire la nostra storia e distruggere la nostra grande eredita'".

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.