Navigation

Usa: carcerato fa causa a stato Florida per dieta di soia

Questo contenuto è stato pubblicato il 12 novembre 2011 - 21:11
(Keystone-ATS)

La dieta di soia è pericolosa per la salute, si deve tornare a bistecche, pollo e tacchino. Un uomo di 34 anni che sta scontando l'ergastolo in un carcere della Florida ha fatto causa allo Stato contro il menù a base di soia propinato in prigione.

"Questi alimenti causano dolorosi crampi intestinali e possono danneggiare la tiroide e il sistema immunitario. Sono una punizione crudele", sostiene Eric Harris nell'atto di citazione con il quale chiede un risarcimento imprecisato allo Stato.

"Cerchiamo di fornire un pasto nutritivo limitando i costi dei contribuenti", ha spiegato ai media locali Gretl Plessinger, portavoce del Department of Correction.

Le prigioni della Florida sono passate ai menù a base di soia nel 2009, sostituendo i piatti di carne bovina e suina e riducendo il costo dei pasti della metà.

"La politica al risparmio è un pericolo per la salute dei detenuti", accusa invece Harris sottolineando che i carcerati sono costretti a ingerire fino a cento grammi di proteine di soia al giorno, pari a quattro volte la quantità raccomandata dalla Food and Drug Administration.

Divisi i nutrizionisti: alcuni si dichiarano preoccupati per l'assunzione eccessiva di soia, mentre altri ritengono che il vegetale possa tranquillamente essere alla base di una dieta sana.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?