Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un volo della Etihad Airways (archivio)

KEYSTONE/AP/KAMRAN JEBREILI

(sda-ats)

Laptop a bordo sui voli Etihad da Abu Dhabi, ma non dal resto degli scali mediorientali al centro del bando deciso in marzo dall'amministrazione Trump. Washington ha fatto parziale marcia indietro sul divieto di portatili e tablet a bordo dei voli.

Lo hub di Etihad ad Abu Dhabi era uno dei dieci aeroporti interessati dalla proibizione messa in atto in marzo. L'annuncio che "sdogana" l'aerolinea del Golfo segue di pochi giorni la richiesta delle autorità Usa di ulteriori misure di sicurezza sui voli internazionali.

Il bando resta in piedi in altri scali del Medioriente tra cui Dubai, a cui fanno capo Emirates Airline e Qatar Airways. Emirates e Qatar sono rivali di Etihad nel creare collegamenti per passeggeri provenienti e diretti ad altre destinazioni internazionali.

Il divieto era stato imposto dal Dipartimento alla Sicurezza Interna per timore che organizzazioni terroristiche potessero introdurre a bordo esplosivi nascosti nei dispositivi elettronici che poi avrebbero fatto esplodere in cabina.

L'amministrazione Usa aveva imposto che i viaggiatori in partenza dai dieci aeroporti consegnassero laptop e tablet con il bagaglio da spedire o li lasciassero a casa. Oltre ad Abu Dhabi e Dubai, gli altri scali sono Amman, Cairo, Casablanca, Doha, Istanbul, Jeddah, Kuwait City e Riad. Le linee aeree americane in partenza dagli stessi aeroporti sono esenti.

La proibizione aveva suscitato polemiche e avvertimenti da parte degli esperti di sicurezza: tra le critiche sollevate, quella che la concentrazione di un alto numero di batterie al litio nel vano carichi degli aerei potrebbe provocare incendi.

Washington, che aveva ipotizzato di allargare il bando ai voli diretti negli Usa dall'Europa, ha elogiato Etihad per aver posto in atto misure di sicurezza aggiuntive verificate dalla Transportation Security Administration.

"I loro sforzi sono un modello per le compagnie aeree interne e internazionali", ha affermato il portavoce del Dipartimento per la Sicurezza Interna David Lapin.

Gli Stati Uniti sono uno dei maggiori mercati di Etihad che nei primi quattro mesi dell'anno ha trasportato oltre 200 mila passeggeri da Abu Dhabi a destinazioni americane.

SDA-ATS