Navigation

USA: Corte Suprema si pronuncia contro "grandi elettori sleali"

La Corte Suprema degli Stati Uniti ha stabilito che i grandi elettori responsabili della designazione del presidente degli Stati Uniti nel quadro di elezioni indirette possono essere puniti se interferiscono con le scelte dei cittadini. KEYSTONE/AP/Patrick Semansky sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 06 luglio 2020 - 21:11
(Keystone-ATS)

La Corte Suprema degli Stati Uniti ha stabilito che i grandi elettori responsabili della designazione del presidente degli Stati Uniti nel quadro di elezioni indirette possono essere puniti se interferiscono con le scelte dei cittadini.

La sentenza odierna corregge "un'anomalia" che rischiava di influenzare il voto di novembre.

Uno Stato che obbliga i suoi elettori a rispettare il voto di milioni di cittadini "agisce in conformità con la Costituzione e con la fiducia di una nazione in cui 'Noi, il popolo, governiamo'", scrivono i giudici supremi facendo riferimento al preambolo della Costituzione.

Il caso ha affrontato una delle complessità del sistema elettorale americano: l'elezione del presidente da parte di un collegio di grandi elettori designati da ogni Stato sulla base del voto dei cittadini. In 48 dei 50 Stati, il candidato arrivato primo alle urne vince tutti i voti dell'elettorato. Alcuni Stati hanno adottato meccanismi per costringerli a rispettare il voto popolare.

Malgrado ciò, alcuni grandi elettori soprannominati gli "sleali" non agiscono in tal modo. Nelle elezioni presidenziali tra il 1796 e il 2016 ci sono stati 180 voti contrari alle aspettative popolari.

Nel 2016, cinque dei 538 grandi elettori si rifiutarono di votare per la democratica Hillary Clinton, nonostante avesse ottenuto la maggioranza dei voti nei loro Stati; altri due si distanziarono dal repubblicano Donald Trump.

Alcuni degli "sleali" sono stati successivamente puniti dagli Stati del Colorado e di Washington. In nome della loro "libertà di voto" due di loro hanno contestato la sanzione: una multa di mille dollari in un caso, e la rimozione dalla carica di grande elettore per l'altro.

I vari tribunali erano divisi sulla questione, ma la Corte suprema ha ora stabilito senza ambiguità che "il testo della Costituzione e la storia della nostra nazione permettono a uno Stato di esigere che i suoi grandi elettori rispettino il candidato del partito e la scelta dell'elettorato per la presidenza".

Anche se le defezioni registrate finora non hanno mai avuto un impatto diretto sull'esito delle presidenziali, diversi magistrati dell'Alta corte hanno espresso preoccupazione per il rischio di "caos" se i grandi elettori sleali facessero pendere l'ago della bilancia a loro piacere.

"Se un voto popolare dà ad un candidato una vittoria di stretta misura, potrebbero esserci delle campagne concertate per cambiare il risultato influenzando alcuni grandi elettori", ha sottolineato il giudice conservatore Samuel Alito.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.