Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Fusione record da 120 miliardi di dollari in vista nel settore della chimica negli Stati Uniti. Dow Chemical e DuPont, le due principali aziende chimiche americane, stanno infatti trattando l'operazione.

Un annuncio sull'accordo ci potrebbe essere già entro la fine di questa settimana. La fusione, con la successiva scomposizione del nuovo gruppo, dovrebbe poi portare alla creazione di tre nuove società nel settore chimico.

I due colossi a stelle e strisce sono molto simili fra loro: Dow Chemical ha una capitalizzazione di mercato di 60 miliardi di dollari mentre DuPont di 59 miliardi. Ma proprio le dimensioni dei due gruppi potrebbero essere un ostacolo alla fusione. L'Antitrust americana potrebbe infatti bloccare l'operazione perché la nuova creatura avrebbe una posizione dominante con più di 90 miliardi di dollari in vendite combinate e posizioni forti in tutti i settori di riferimento, dalle plastiche ai prodotti chimici industriali all'agricoltura. L'anno scorso la divisione agricoltura di DuPont ha generato un fatturato di 11,3 miliardi di dollari mentre quella di Dow di 7,29 miliardi.

La notizia sulla fusione tra Dow Chemical e DuPont, riportata per prima dal Wall Street Journal e dal Financial Times, ha fatto schizzare le azioni di entrambe le società alla Borsa di New York con rialzi superiori al 10%.

Ma la stessa notizia arriva in un momento in cui il settore chimico-agricolo è in gran subbuglio con intensi contatti tra i vari attori del comparto per fronteggiare introiti più bassi a causa di una minore spesa per insetticidi e pesticidi da parte delle aziende agricole, queste ultime penalizzate dal calo dei prezzi dei prodotti agricoli. Proprio i due giganti americani si ritrovano sotto la pressione dei Fondi attivisti che chiedono da tempo una struttura più snella attraverso un taglio dei costi e lo scorporo delle attività secondarie.

La loro fusione con la successiva scomposizione del nuovo gruppo in tre aziende potrebbe permettere di riorganizzare le aree di business con un focus sulle unità a più rapida crescita, spiega il quotidiano della City londinese.

Oltreoceano le due società sono istituzioni storiche con oltre 100 anni di vita alle spalle. Dow Chemical fu creata dal pioniere dell'elettrochimica Herbert Henry Dow nel 1897 ed ha sede a Midland nel Michigan. Dal 2007 è la seconda più grande produttrice chimica al mondo dopo la tedesca Basf.

DuPont fu fondata a Wilmington, nel Delaware, nel 1802 da Eleuthere Irenee du Pont, un produttore di polvere da sparo francese sbarcato in America nel 1800. È presente in oltre 70 Paesi.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS