Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La leggenda del blues B.B. King, morto a Las Vegas lo scorso 15 maggio all'età di 89 anni, sarebbe stato avvelenato. È l'accusa che muovono due delle figlie, Karen Williams e Patty King.

Le figlie puntano il dito contro due stretti collaboratori del musicista, stando a documenti legali di cui l'Associated Press ha preso visione.

Da tali documenti risulta che le due donne accusano il business manager di B.B. King, LaVerne Toney, e l'assistente personale Myron Johnson.

Le autorità locali fanno sapere che un'autopsia è stata effettuata ieri sul corpo di B.B. King e che per i risultati bisognerà attendere fino a otto settimane. Intanto, riferisce ancora l'Associated Press, Ray Steiber della polizia di Los Angeles ha confermato che detective della squadra omicidi stanno indagando.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS