Navigation

Usa: fumogeno contro Casa Bianca, isolato edificio

Questo contenuto è stato pubblicato il 18 gennaio 2012 - 07:34
(Keystone-ATS)

La Casa Bianca è stata chiusa e isolata questa notte dopo il lancio di una sorta di fumogeno attraverso la recinzione del comprensorio dell'edificio, per consentire le indagini su quanto accaduto. Lo ha detto un portavoce dell'intelligence.

Secondo una prima ricostruzione il lancio sarebbe avvenuto dal lato della Casa Bianca dove in serata hanno manifestato un migliaio di attivisti di 'Occupy Dc', la cui manifestazione nel tardo pomeriggio era partita da Capitol Hill, la sede del Congresso.

Il portavoce dei servizi di sicurezza della residenza presidenziale ha spiegato come siano in corso delle indagini per verificare l'accaduto e come la zona sia stata isolata per facilitare il lavoro degli investigatori. Il portavoce ha anche specificato come al momento non ci sia stato alcun fermo connesso all'episodio. La folla di manifestanti, del resto, si è ormai sciolta da oltre un'ora.

Al momento del lancio del fumogeno il presidente Barack Obama e la moglie Michelle non erano alla Casa Bianca, ma a cena in un ristorante della capitale. Al loro rientro sono stati informati di quanto successo e delle indagini in corso.

Circa un mese fa la Casa Bianca è stata teatro di un episodio ben più grave, con un uomo che in pieno giorno ha sparato un colpo d'arma da fuoco contro l'ala dove si trovano gli appartamenti della First family. Un proiettile fu trovato conficcato in una vetrata blindata. Qualche giorno dopo seguì l'arresto di un giovane che sarà processato per tentato omicidio del presidente.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?