Navigation

USA: giustiziato per omicidio razzista vendetta 11/9

Questo contenuto è stato pubblicato il 21 luglio 2011 - 10:30
(Keystone-ATS)

Un uomo che nei giorni immediatamente successivi all'11 settembre 2001 commise una serie di delitti di stampo razzista, uccidendo due persone, contro immigrati che, secondo lui, potevano essere musulmani o mediorientali, è stato messo a morte nel Texas con iniezione letale, malgrado gli appelli alla clemenza di una delle sue vittime, che era sopravissuta. Marl Stroman, 41 anni, è stato dichiarato morto alle 20:30 locali (le 04:30 in Svizzera) nel carcere di Huntsville.

Bianco del Texas, Stroman dopo l'11 settembre fece una "spedizione punitiva" a Dallas, prendendo di mira presunti mediorientali, e in due distinti incursioni in altrettanti negozi di alimentari uccise a colpi d'arma da fuoco, in uno un musulmano pachistano e in un altro un indù indiano, Vasudev Patel. La sentenza di morte è stata comminata per l'omicidio di quest'ultimo. Un terzo, un uomo del Bangladesh, Rais Bhuiyan, sopravisse miracolosamente anche se perse un occhio. È stato lui a battersi perché la vita di Stroman fosse risparmiata.

Stroman è l'ottavo condannato a essere messo a morte in Texas nel 2011.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?