Navigation

USA: Holder, più di 110 arresti NY e dintorni

Questo contenuto è stato pubblicato il 20 gennaio 2011 - 18:18
(Keystone-ATS)

Oltre 110 persone legate a Cosa Nostra sono state arrestate oggi nell'est degli USA, e una in Italia. Lo ha annunciato oggi a New York il ministro Usa della Giustizia Eric Holder, citando tra l'altro le famiglie Colombo, Gambino e Lucchese, ed accuse di omicidio ed estorsione.

Definendola "una delle maggiori operazioni realizzate in un giorno contro la Mafia nella storia dell'Fbi", Holder ha detto che "oggi, oltre 800 agenti federali, statali e locali hanno arrestato oltre 110 individui, tra cui decine di membri e di affiliati a Cosa Nostra. In tutto 127 persone sono state incriminate in 16 diversi casi in quattro distretti a New York, nel New Jersey e nel Rhode Island".

Il guardasigilli ha aggiunto che tra gli arrestati ci sono esponenti delle cinque famiglie newyorchesi: i Bonanno, i Colombo, i Gambino, i Genovese e i Lucchese.

Tra le accuse spiccano quelle di omicidio (anche di esponenti di clan rivali), estorsione, traffico di droga, gioco d'azzardo, incendio criminale, strozzinaggio e racket nel mondo del lavoro, in particolare nell'industria del cemento e portuale.

Holder e la responsabile dell'Fbi a New York Janice Fedarcyk hanno citato con enfasi la fruttuosa collaborazione in materia di lotta alla mafia con la polizia italiana, che va avanti da anni.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?