Condizioni meteorologiche favorevoli hanno aiutato il lavoro di migliaia di pompieri che da ormai oltre dieci giorni lottano con un gigantesco incendio che in California ha devastato centinaia di miglia quadrate di boschi e foreste e che da alcuni giorni è entrato in profondità nel Yosemite National Park.

Il parco di Yosemite, noto per le sue maestose sequoie e meta di escursionisti e alpinisti da tutto il mondo, è stato colpito, e oggi le autorità hanno chiuso un'altra delle quattro strade di accesso al parco, la seconda, per facilitare il lavoro dei vigili del fuoco.

Allo stesso tempo, il fumo ha creato una seri di allarmi per la qualità dell'aria anche a grande distanza dalle fiamme, fino in Nevada.

Secondo quanto ha fatto sapere il servizio forestale, oggi circa il 23% dell'incendio, divenuto ormai il sesto più grave nella storia della California (solo ieri era il settimo), è stato messo sotto controllo, ma, riferisce USA Today, probabilmente non sarà messo interamente sotto controllo prima del 10 settembre. Finora le fiamme hanno incenerito un'area vasta quasi 300 miglia quadrate, hanno distrutto 111 strutture e minacciato impianti idroelettrici e riserve idriche.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.