Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

USA: John Lennon, respinta richiesta libertà assassino

L'assassino di John Lennon, Mark David Chapman, si è visto respingere per la settima volta la richiesta di libertà condizionata dalla giustizia americana.

Chapman, 57 anni, è recluso in un penitenziario dello Stato di New York per aver ucciso l'Beatle l'8 dicembre del 1980. Lennon stava rientrando a casa con la moglie Yoko Ono a Manhattan di fronte al Central Park. Chapman fu dichiarato mentalmente instabile.

L'ultima volta che l'uomo fece domanda per la libertà condizionata (può chiederla ogni due anni, a partire dal 2000) è stato nel 2010. In quell'occasione spiegò alla commissione incaricata di giudicare le richieste dei detenuti che c'erano altri nomi nella lista dei suoi obiettivi dopo Lennon, tra i quali Johnny Carson ed Elizabeth Taylor.

"Nonostante i positivi sforzi compiuti durante la sua carcerazione - scrive il giudice che ha respinto la libertà vigilata per Chapman - il suo rilascio al momento minerebbe enormemente il rispetto per la legge e significherebbe sminuire una tragica perdita causata da un efferato, ingiustificato, violento, freddo e calcolato crimine". Chapman potrà ora ritentare - per l'ottava volta - di essere liberato fra due anni.

Prima dell'udienza in cui l'ultima richiesta dell'assassino di Lennon è stata respinta, moltissime le lettere giunte nell'ufficio del giudice per scongiurare una liberazione dell'uomo. Tra queste anche quella di Yoko Ono, secondo cui Chapman è ancora pericoloso e rappresenta ancora un rischio per i due figli di John Lennon e per lei stessa, oltre che per altre persone.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.